I processi educativi: una sfida in continuo divenire

lingua-didattica-2I processi di globalizzazione e tecnologici, la crescente immigrazione e i differenti stili di vita che caratterizzano le società attuali portano la Scuola a confrontarsi con un contesto sociale in continua trasformazione e la sfidano a ripensare i propri modelli di insegnamento-appredimento. L’educazione è chiamata, infatti, non solo ad adattarsi ai cambiamenti in corso, ma anche a riflettere sul significato dell’incontro e dello scambio formativo in un contesto di crescente interdipendenza.

L’utenza della nostra Scuola è piuttosto eterogenea, composta da famiglie di connazionali di lunga permanenza, miste residenti sul territorio mozambicano e da nuclei familiari italiani di permanenza relativamente breve.

L’offerta formativa della nostra scuola si caratterizza per il plurilinguismo: portoghese, italiano e inglese sono le lingue principalmente veicolate.

Per favorire un esperienza di immersione linguistica e rendere l’apprendimento più efficace la scuola adotta la metodologia CLIL: “Content Language Integrated Learning” – apprendimento integrato di lingua e contenuto.

Si tratta di un approccio metodologico che prevede l’insegnamento di una disciplina non linguistica, in lingua straniera veicolare al fine di integrare l’apprendimento della lingua straniera e l’acquisizione di contenuti disciplinari, creando ambienti di apprendimento che favoriscono atteggiamenti plurilingue e sviluppino la consapevolezza multiculturale.

  • Un percorso CLIL permette l’apprendimento e l’insegnamento di materie non linguistiche in lingua straniera.
  • Propone un approccio innovativo all’insegnamento.
  • Permette un’educazione interculturale del sapere.
  • Favorisce un’attività didattica centrata sull’allievo.
  • Stimola l’educazione plurilingue e la motivazione all’apprendimento di contenuti disciplinari in lingua straniera.

lingua-didattica-2