scuola infanzia

scuola-infanzia-1La Scuola dell’Infanzia si rivolge a tutte le bambine e bambini dai 12 mesi ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto di educazione e alla cura, in coerenza con i principi di pluralismo culturale ed istituzionale presenti nella Costituzione della Repubblica italiana, nella Convenzione sui diritti dell’infanzia e nei documenti dell’Unione Europea.

La Scuola dell’Infanzia si propone le seguenti finalità:

  • negoziare l’identità, vivere serenamente le dimensioni del proprio io, in un ambiente sociale allargato, in cui si è riconosciuti come persona unica e irripetibile;
  • sviluppare lautonomia, provare soddisfazione nel fare da sé, poter esprimere insoddisfazione e frustrazione elaborando progressivamente risposte e strategie;
  • acquisire competenze, giocare, muoversi, manipolare, curiosare, domandare, sbagliare, imparare a riflettere sull’esperienza attraverso l’esplorazione, l’osservazione e il confronto;
  • vivere le prime esperienze di cittadinanza, scoprire l’altro da sé e attribuire importanza agli altri e ai loro bisogni, negoziare regole condivise.

Per garantire sufficiente attenzione ai più piccoli ci si attiene a un limite massimo di 5 bambini di età inferiore ai 18 mesi.

Nel rispetto dei bisogni educativi speciali di ciascuna fascia d’età i bambini sono divisi in piccoli gruppi, a cui è assegnato il nome di un animale, clicca sulle immagini e scopri ulteriori informazioni!

TEMPO SCUOLA

La Scuola è aperta dal lunedì al venerdì e prevede due differenti possibilità:

  • dalle 7.30 alle 17.30 (full time);
  • dalle 7.30 alle 14.00 (part time).

SCANSIONE ORARIA

Il tempo scuola è di circa 42 ore settimanali, scandite secondo il seguente orario:

07.30 – 08.30 ingresso
08.30 – 09.30 attività didattiche
09.30 – 10.00 merenda
10.00 – 12.00 attività didattiche
12.00 – 12.30 pranzo
12.30 – 14.00 riposo
14.00 – 14.15 uscita intermedia
14.20 – 16.45 attività motorie e/o didattiche
17.00 – 17.30 uscita

 

METODOLOGIA

La scuola adotta alcuni dei più moderni e aggiornati metodi educativi che permettono di valorizzare la personalità del bambino in tutte le sue sfaccettature.

Le principali metodologie utilizzare traggono ispirazione dalle seguenti esperienze di apprendimento/insegnamento:

Osservazione

Nella Scuola dell’Infanzia il monitoraggio si attua con:

  • osservazioni sistematiche e annotazioni sui comportamenti relazionali-sociali e sullo stile di apprendimento;

  • la verbalizzazione e rielaborazione orale e grafico-pittorica delle esperienze fatte.

Monitoraggio

La valutazione è effettuata in base a:

  • i progressi compiuti e le strategie attuate nell’affrontare i problemi;

  • sullo stile di apprendimento;

  • sui cambiamenti apportati, il grado di partecipazione e gradimento del bambino.

Programmazione curriculare

Le finalità della Scuola dell’Infanzia sono perseguite attraverso una programmazione curricolare che non coincide con la sola organizzazione delle attività didattiche.

Si esplica, infatti, in un’equilibrata integrazione di:

  • momenti di cura e di relazione;

  • esperienze di apprendimento-insegnamento;

  • routine (ingresso, mensa, cura del corpo, ecc.), la quale svolge una funzione di regolazione dei ritmi della giornata e si offre come base sicura per nuove sollecitazioni.

In relazione a ciò nella Scuola dell’Infanzia e le educatrici hanno il ruolo di accogliere, valorizzare ed estendere la curiosità, le proposte dei bambini creando OCCASIONI DI APPRENDIMENTO all’interno dei CAMPI DI ESPERIENZA:

  • I DISCORSI E LE PAROLE, utilizzare le lingue nei loro diversi aspetti;
  • LA CONOSCENZA DEL MONDO, organizzare le informazioni ricavate dall’ambiente, percepire lo scorrere del tempo e acquisirne la ciclicità;
  • LA COSTRUZIONE DEL SÉ E DELL’ALTRO, imparare a relazionarsi con “l’altro da sé”, per esplorare e vivere pienamente la realtà in tutte le sue sfaccettature;
  • IL CORPO E IL MOVIMENTO, prendere coscienza del sé e delle proprie capacità;
  • LINGUAGGI, CREATIVITA E ESPRESSIONE, utilizzare linguaggi diversi per esprimere sentimenti ed emozioni.

Per ogni campo di esperienza le Indicazioni Nazionali individuano i traguardi per lo sviluppo della competenza, obiettivi ultimi del percorso prescolare.

Traguardi dello sviluppo delle competenze al termine della scuola dell’infanzia
  • Riconoscere ed esprimere le proprie e altrui emozioni

  • Avere un positivo rapporto con la propria corporeità

  • Manifestare curiosità, voglia di sperimentare e interagire

  • Condividere esperienze e giochi, utilizzare materiali e risorse comuni

  • Sviluppare l’attitudine a porre e a porsi domande

  • Cogliere diversi punti di vista, riflettere e negoziare significati

  • Utilizzare gli errori come fonte di conoscenza

  • Saper raccontare, narrare, descrivere situazioni ed esperienze vissute nelle tre lingue di riferimento (italiano, inglese e portoghese)

  • Padroneggiare le prime abilità di tipo logico, iniziare ad interiorizzare le coordinate spazio-temporali e ad orientarsi nel mondo

  • Rilevare le caratteristiche principali di eventi, formulare ipotesi e ricercare soluzioni

Area progettuale scuola dell’infanzia
  • Scoperta sensoriale

  • Percorsi musicali

  • Educazione ambientale

  • Atelier d’arte

  • Laboratorio logico-matematico

  • Culinaria

  • Corpo e movimento

  • Drammatizzazione

  • Uscite didattiche

  • Progetto continuità con la Scuola Primaria